« Pagina 1 ~ Pagina 2 »

«Così come un diamante ben tagliato ha tante facce dove ciascuna riflette un differente colore della luce, così lo Yoga ha tante scuole, ciascuna con una sfumatura diversa nel significato e capace di rivelare un differente aspetto dell’intera gamma del comportamento umano per ottenere la Pace, la Felicità interiore» Poojya Sri Maharishi Gitananda

Ek Ong Kar

Il Kundalini Yoga, così come insegnato dal Maestro indiano Yogi Bhajan (arrivato in Occidente verso la fine degli anni ’60) e al quale ci ispiriamo nella nostra pratica e nel nostro condividerne gli insegnamenti, consiste in un sistema originale ed integrato che unisce esercizi fisici e precise posizioni (asana), controllo delle fasi del respiro e tecniche specifiche di respirazione (pranayama), meditazione e recitazione di mantra (ripetizioni di fonemi e sillabe che tra l’altro permettono mediante la stimolazione con la lingua di 84 punti meridiani situati sul palato di agire direttamente sul sistema nervoso centrale).

Da ciò si evince che il Kundalini Yoga secondo gli insegnamenti di Yogi Bhajan, è molto più di un semplice insieme di esercizi ginnici che coinvolgono solo il corpo: si tratta in realtà di uno strumento potente e dinamico, sicuro e alla portata di tutti, per espandere in maniera completa la propria consapevolezza (tornando al concetto di unione/armonia tra corpo, mente e spirito/anima). Per questa ragione, praticare Kundalini Yoga mantiene il corpo in forma ed aiuta a scaricare lo stress sia fisico sia mentale, allenando la mente ed il corpo ad essere forti e flessibili di fronte alle difficoltà e ai cambiamenti. Le tecniche aiutano a migliorare la circolazione sanguigna e linfatica, agiscono per riequilibrare il sistema ghiandolare, agiscono sul sistema immunitario e rafforzano il sistema nervoso. I praticanti arrivano a possedere un maggiore autocontrollo, una più stabile tranquillità della mente, una migliore capacità di concentrazione ed una più profonda e consapevole fiducia in se stessi.

«[…] Avendo cura, amando e utilizzando quel che già ci è stato dato (in questo caso specifico il corpo fisico) possiamo avere esperienza di ulteriori espressioni dell’energia creativa infinita e dei doni che continuamente elargisce e che non vediamo […]» “Kundalini – Quaderni trimestrali di Kundalini Yoga” n.1 – Marzo 1986

«[…] Il Kundalini ha le sue basi dottrinali nel Tantrismo, che non solo non disprezza il corpo ma lo considera veicolo di salvezza e sostiene che è possibile realizzare sia la felicità nel mondo sia la liberazione […] Trascurare il corpo e negarne i bisogni significa disconoscere l’unità del Tutto […]» Stefano Piano “Enciclopedia dello Yoga”

Ek Ong Kar

“Così troverai la via dello Yoga”

Lo Yoga non consiste in una coperta rappezzata,
né in un bastone, né in ceneri cosparse sul corpo!
Lo Yoga non consiste in anelli portati alle orecchie,
né in un capo rasato, né nel suonare conchiglie.
Rimani puro fra le impurità del mondo: così troverai la Via dello Yoga.

Lo Yoga non è una questione di parole:
colui che, abbracciandoli in un solo sguardo,
considera uguali tutti i mortali,
quello può essere chiamato uno yogi!

Lo Yoga non consiste nel visitare monumenti funerari né luoghi di cremazione;
lo Yoga non consiste nello star seduti in estasi.
Lo Yoga non consiste nel vagare nella propria terra o in terre straniere,
né nel bagnarsi nei sacri tirtha.
Rimani puro fra le impurità del mondo: così troverai la Via dello Yoga.

Se si incontra il Vero Guru il dubbio è disperso
e cessa il vagare della mente.
Piove ambrosia, si ode la musica divina del sahaj
e l’uomo è felice nella sua stessa casa.
Rimani puro fra le impurità del mondo: così troverai la Via dello Yoga.

Oh Nanak, sii come morto nel mezzo della vita: tale è lo Yoga che devi praticare.
Quando la conchiglia suona senza bisogno di soffiarvi,
tu stai per conquistare la condizione che non conosce paura.
Rimani puro fra le impurità del mondo: così troverai la Via dello Yoga.

Guru Nanak

« Pagina 1 ~ Pagina 2 »